Scoprire che si è + quando si è x

La Carità nella nostra parrocchia non si è mai fermata!

Tre diversi forni della zona ci hanno fornito ogni settimana una cinquantina di Kg di pane che distribuivamo alle famiglie reperendo generi alimentari; ci ha colpito tanto un signore anziano che con il suo deambulatore è venuto più volte a portarci degli alimenti, scusandosi se non poteva portare di più a motivo delle sue forze. I giovani hanno portato avanti l’ iniziativa “condominio amico” andando a prendere i generi alimentari che i vari condòmini raccoglievano al fondo delle scale…

Anche con le Istituzioni del Quartiere si è instaurata una fiducia nuova nell’andare incontro alle famiglie, di molto aumentate nelle necessità. Quanto alla nostra comunità, questa la scoperta: che si può essere parrocchia, e “in” parrocchia, non come somma dei gruppi che lì svolgono il servizio caritativo ma come un’unità che moltiplica le energie. Si è vista la vicinanza vera nel lavorare insieme, piccoli e umili. Questo ha rinsaldato la comunione e la collaborazione tra i vari gruppi parrocchiali; base indispensabile per far nascere nuove collaborazioni anche con associazioni del quartiere.

E’ l’unità di intenti che genera la comunione, proprio come dice il testo di quel canto: “Tanti chicchi, un solo pane….”

Un’unità che -abbiamo visto- non come il risultato di una somma ma di una moltiplicazione di fraternità.